Fino al 70% della popolazione di Shanghai contagiata da COVID: top doctor

La variante Omicron si sta diffondendo dilagante in tutta Shanghai.— AFP/file
La variante Omicron si sta diffondendo dilagante in tutta Shanghai.— AFP/file

Un medico anziano in uno dei migliori ospedali di Shanghai ha affermato che il 70% della popolazione della megalopoli potrebbe essere stato infettato da COVID-19 durante L’enorme ondata della Cina nei casi, i media statali hanno riferito martedì.

Il forte aumento delle infezioni è arrivato dopo che anni di rigide restrizioni sono state bruscamente allentate il mese scorso con poco avvertimento o preparazionee rapidamente sopraffatti ospedali e crematori.

Chen Erzhen, vicepresidente dell’ospedale Ruijin e membro del gruppo consultivo di esperti COVID di Shanghai, ha stimato che la maggior parte dei 25 milioni di persone della città potrebbe essere stata infettata.

“Ora la diffusione dell’epidemia a Shanghai è molto ampia e potrebbe aver raggiunto il 70% della popolazione, ovvero da 20 a 30 volte di più rispetto (ad aprile e maggio)”, ha detto a Dajiangdong Studio, di proprietà del Partito Comunista. portavoce del Quotidiano del Popolo.

Shanghai ha subito un estenuante blocco di due mesi da aprile, durante i quali oltre 600.000 residenti sono stati infettati e molti sono stati trasportati in centri di quarantena di massa.

Ma ora, la variante Omicron si sta diffondendo in modo dilagante in tutta la città e gli esperti prevedono che le infezioni raggiungeranno il picco all’inizio del 2023.

In altre grandi città, tra cui Pechino, Tianjin, Chongqing e Guangzhou, i funzionari sanitari cinesi hanno suggerito che l’ondata ha già raggiunto il picco.

Chen ha aggiunto che il suo ospedale di Shanghai registrava 1.600 ricoveri di emergenza al giorno – il doppio del numero prima della revoca delle restrizioni – con l’80% di pazienti affetti da COVID.

Fino al 70% della popolazione di Shanghai contagiata da COVID: top doctor

“Ogni giorno arrivano in ospedale più di 100 ambulanze”, avrebbe detto, aggiungendo che circa la metà dei ricoveri d’urgenza erano persone vulnerabili di età superiore ai 65 anni.

Al Tongren Hospital nel centro di Shanghai, i giornalisti dell’AFP hanno visto i pazienti ricevere cure mediche di emergenza fuori dall’ingresso della struttura sovraffollata martedì.

Onda di viaggio

I funzionari cinesi si stanno preparando affinché un’ondata di virus colpisca l’interno rurale della Cina con risorse insufficienti, mentre milioni di persone si preparano a tornare nelle loro città natale per la settimana del capodanno lunare che inizierà il 21 gennaio.

Lunedì, in un’intervista con l’emittente statale CCTV, il funzionario della National Health Commission (NHC) Jiao Yahui ha ammesso che affrontare il picco previsto nelle aree rurali sarebbe una “sfida enorme”.

“Quello che ci preoccupa di più è che negli ultimi tre anni nessuno è tornato a casa per il capodanno lunare, ma quest’anno finalmente possono”, ha detto Jiao.

“Di conseguenza, potrebbe esserci un’ondata di rappresaglia di residenti urbani nelle campagne per visitare i loro parenti, quindi siamo ancora più preoccupati per l’epidemia rurale”.

Ha anche riconosciuto la pressione sui reparti di emergenza ospedaliera e ha promesso che le autorità coordineranno le risorse mediche per garantire il trattamento dei pazienti nelle aree sottofinanziate.

Nel frattempo, oltre una dozzina di paesi hanno imposto restrizioni sui test COVID ai passeggeri provenienti dalla Cina dopo che Pechino ha annunciato che i suoi confini sarebbero stati riaperti dall’8 gennaio.

Paesi, inclusi gli Stati Uniti, hanno anche citato la mancanza di trasparenza di Pechino sui dati sulle infezioni e il rischio di nuove varianti come motivo per limitare i viaggiatori.

La Cina ha registrato solo 22 decessi per COVID da dicembre e ha ridotto drasticamente i criteri per classificare tali decessi all’inizio del mese.

Ma giovedì Jiao ha detto ai giornalisti che la Cina ha sempre pubblicato dati “sui decessi e sui casi gravi di COVID-19 nello spirito di apertura e trasparenza”.

“La Cina si è sempre impegnata a rispettare i criteri scientifici per giudicare i decessi di COVID-19, dall’inizio alla fine, che sono in linea con i criteri internazionali”, ha affermato Jiao.

Source link